Premio San Giorgio 2016

Giuseppe Recupero, nato nel 1948, si laureò in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Messina con il massimo del voti. Nel 1974 vinse la Borsa di Studio Bonino-Pulejo che gli permise di frequentare l’Istituto Oftalmologico Barraquer di Barcellona, in Spagna ottenendo il giudizio finale di eccellente, nonché la richiesta di permanenza.
Nell’ottobre 1977 ottenne la specializzazione in oculistica presso l’Università di Bari con il massimo dei voti e la lode. Tornato a Messina, ebbe modo di applicare e perfezionare il corso di apprendimento teorico-pratico grazie alla magistrale guida del padre Prof. Cenzo, clinico e chirurgo di fama nazionale. Divenne primo assistente e poi aiuto presso la Divisione Oculistica dell’Ospedale Piemonte di Messina dove operò dal 1974 al 1989.
Fu docente dal 1981 al 1988 presso l’Università di Messina alla Scuola di Specializzazione di Diabetologia.
Pubblicò numerosi lavori scientifici partecipando quale relatore a congressi nazionale ed internazionali.
Nel 1986 conseguì l’idoneità a Primario, ma nel 1989 fece la scelta di lasciare le strutture pubbliche per meglio esprimere le proprie potenzialità operative nel settore privato dove ancora continua con successo ad operare.
Personalità eclettica, animata da particolare creatività ed amore profondo per l’arte in tutte le sue forme, Recupero ha dato vita a numerose iniziative culturali quali la nascita di un ritrovo “Lepanto 14” divenuto nei primi anni 2000 centro nevralgico della cultura messinese, spaziando dalla musica alla poesia ed alla pittura con l’intento di valorizzare artisti soprattutto della nostra provincia.
Da qualche tempo ha trasferito lo stesso entusiasmo organizzativo a Monforte, facendosi promotore di numerose iniziative culturali e benefiche.


Giuseppe Recupero è l’erede spirituale della tradizione delle famiglie Recupero e Giorgianni che tanto hanno dato al paese. Il nonno onorevole Santi Recupero per la sua attività politica ha meritato l’intitolazione di una via a Monforte. Il padre, prof. Cenzo,  illustre clinico nel campo dell'oculistica ha prestato la sua preziosa opera anche in favore di tanti monfortesi.  Anche il fratello maggiore, Santi Maria Recupero, trasferitosi a Roma molti anni fa, si è affermato nel campo degli studi e della medicina, divenendo, fin dal 2003, professore ordinario di Malattie dell'apparato visivo, presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell'Università "La Sapienza" della Capitale, e successivamente, nel 2005, anche Direttore della Scuola di specializzazione in Oftalmologia presso la stessa Università. Esercita la professione medica con competenza e umanità a Roma, quale Primario presso l'Azienda Ospedaliera Sant’Andrea.
La zia Lillina Recupero Maugeri nel libro di racconti “Ballate siciliane” ha descritto episodi di vita monfortese. Per quanto riguarda la famiglia Giorgianni a cui appartiene la madre Sig.ra Melina basti ricordare l’Avvocato Crispino Giorgianni (1885-1913), filantropo e fondatore a Monforte della Società di Mutuo Soccorso, l’omonimo avo Crispino Giorgianni che restaurò la chiesetta di Bonerba fondata nella seconda metà del XII secolo come priorato cistercense e poi, dopo essere passata ai Minimi dell'ordine di San Francesco di Paola, andata in rovina. Ricordiamo con piacere anche l’impegno e l’alto livello di spiritualità delle monache di casa Giorgianni. Apollonia (1887 – 1959) fu fondatrice e direttrice della Congregazione delle “Figlie dell'Addolorata“ che annoverò tra le sue fila fino a 62 aderenti; le cugine di questa Maria ( 1893- 1969) e Flavia (1890-1966) , appartenenti alla congregazione delle “Figlie di Maria” diedero vita nella loro casa a una scuola di attività domestiche in cui si insegnavano alle bambine i lavori domestici, il taglio, il cucito, i lavori ai ferri, il ricamo. Il premio al dott. Recupero è anche un omaggio alla sua famiglia.